Il Nocciolo è un arbusto alto fino a 8-10 m., presente sia in collina, sia nella media montagna, non oltre i 1.200 m. d’altitudine. La specie predilige esposizioni fresche e terreni profondi; a causa di queste particolari esigenze, il Nocciolo non è presente nei boschi degradati o rilievi in cui la roccia è affiorante. Non ama terreni argillosi.

Il Nocciolo è molto utilizzato in tartuficoltura perchè, se messo in condizioni idonee, può anticipare l’entrata in produzione della tartufaia. A questa peculiarità, fa da contrappeso la non adattabilità del nocciolo a tutti i terreni ed in particolare a quelli più pietrosi e più aridi.

Ulteriori problemi all’utilizzo del nocciolo in tartuficoltura sono: la sua crescita sostenuta, che provoca la rapida chiusura dell’impianto ed un eccessivo ombreggiamento, ad esempio, per la fruttificazione del tartufo nero pregiato. Inoltre l’emissione dei pollini radicali richiede interventi frequenti di ripulitura basale in modo da allevare la pianta a fusto unico o al più su due-tre fusti.